Sorry, you need to enable JavaScript to visit this website.

Alimentazione post-allenamento

Dopo l’allenamento l’atleta ha bruciato le riserve di zuccheri, che quindi sono da ripristinare, ha prodotto un danno ai tessuti muscolari (da riparare) e ha aumentato le dimensioni e il numero dei mitocondri (le centrali elettriche delle cellule). Per questo è importante agire attraverso l’alimentazione introducendo gli zuccheri spesi e gli amminoacidi opportuni per ripristinare le fibre muscolari. Quindi entro un’ora dalla fine della performance sportiva è consigliato reintegrare tutti questi elementi. In che forma? Gli zuccheri e i carboidrati con un alto indice glicemico – quelli che un sedentario dovrebbe evitare – abbinati a proteine di rapida assimilazione sono un’ottima risposta. Dopo l’allenamento le cellule muscolari sono infatti sensibili all’insulina e quindi il processo di recupero muscolare avviene più velocemente. Scegliamo quindi cibi zuccherini come miele, pane bianco, patate, cracker e cereali (anche glassati), ma anche uva, banane (frutta con molto zucchero), carote e riso. L’alternativa, forse più immediata e disponibile, è quella di optare per una bevanda sportiva dopo circa 5-10 minuti dall’uscita dalla piscina, per contribuire contemporaneamente al ripristino delle riserve idriche e degli zuccheri, senza appesantirsi con un pasto normale.