Skip to main content
Basket

L’abc dell’integrazione nel basket

Oltre che all’alimentazione, un cestista deve dedicare attenzione anche all’integrazione: non ri-equilibrare le perdite idriche legate alla sudorazione significa infatti compromettere la qualità della prestazione e, nei casi più estremi, rischiare la disidratazione, con riflessi negativi sull’efficienza degli apparati cardiovascolare e renale. Nel caso di un allenamento blando e comunque di durata non superiore a 60 minuti, il giocatore si può limitare ad assumere acqua. Si stima che, in un individuo adulto, l’apporto ideale sia pari a 1 ml/kcal di energia spesa: una quantità che permette sia di bilanciare le perdite attraverso la pelle sia di non sovraccaricare i reni.

Quando invece lo sforzo è intenso e prolungato e soprattutto se l’ambiente in cui ci si trova è caldo-umido, è bene arricchire l’acqua con sali minerali – in particolare quelli si perdono più facilmente con la sudorazione come il sodio, il cloro, il potassio, il magnesio e il calcio – e zuccheri semplici, in modo da ritardare il consumo delle riserve di glicogeno a livello muscolare e da evitare la condizione di ipoglicemia.

È molto importante dosare sia il contenuto di sali che quello degli zuccheri: un eccesso dei primi, infatti, ostacola il veloce assorbimento dell’acqua, acuendo la disidratazione, mentre troppi carboidrati rallentano lo svuotamento gastrico e possono causare squilibri intestinali.

È poi importante che il consumo di liquidi non sia limitato a un momento specifico: l’integrazione deve avvenire durante, nel pre e post-allenamento

Prodotto energetico-salino per sportivi

Con Fruttosio, Maltodestrine, Sali Minerali e Vitamine C ed E

Un tuo alleato

Prima, durante e al termine dell' attività fisica

Polase & Polase Sport: differenze

Perché scegliere Polase Sport in caso di attività sportiva?