Sorry, you need to enable JavaScript to visit this website.

Il decalogo alimentare del perfetto pallavolista

Esistono alcune semplici regole alimentari che un pallavolista può osservare per non compromettere i progressi che, allenamento dopo allenamento, ha ottenuto. Innanzitutto la velocità: se in campo la rapidità è tutto, a tavola è bene trascurarla. Meglio consumare i pasti lentamente, senza fretta. Per favorire la digestione e l’assimilazione, poi, è utile masticare a lungo e molto accuratamente. Per quanto riguarda la quantità, un pallavolista deve sempre mangiare con moderazione, senza esagerare, e ricordarsi di bere molta acqua, anche e soprattutto lontano dai pasti. Questi ultimi devono essere semplici e distribuiti lungo tutta la giornata: meglio quattro spuntini che una o due abbuffate al giorno. La digestione ne risulta facilitata e l’atleta avrà sempre energia pronta per la sua attività sportiva. Un motto da tenere a mente è che “vegetale è meglio”: frutta e verdura sono componenti essenziali di una dieta equilibrata. Ai carboidrati raffinati meglio preferire quelli integrali, per il loro apporto di fibre. Non bisogna eccedere invece nel consumo di carne, per non affaticare il metabolismo. Dulcis in fundo, la regola più importante di tutte, sia per migliorare le performance in campo sia per tutelare la salute: eliminare o comunque minimizzare il consumo di sostanze alcoliche e/o eccitanti, come tè o caffè. Da evitare anche le sigarette.